martedì 5 novembre 2013

S'ASSOTTIDA 'E MARIA PUNTAORU

Formazione olistica dell'uomo :  RIPRENDIAMOCI I NOSTRI RITI


S'assottìda 'e Maria Puntaoru
copyright  Graziella Pinna Arconte 2010

Ho scritto questa ballata qualche anno fa. I bambini devono sapere che le nostre tradizioni sono ancor più antiche di Halloween  e conoscerle nella giusta valenza: quella delle ritualità di preparazione all'inverno, per degnamente accogliere quelle di primavera e DE SU NENNIRI.
In Sardegna, fin dalla notte dei tempi, i bambini venivano iniziati a superare le paure ataviche anche attraverso figure mitologiche atte a contrastare le forze del Male e perorare i valori del Bene. Considerata la Cultura Matrilineare che ci caratterizza, tali figure sono generalmente donne molto potenti. Shamane dette Janas che tutelano la Natura e gli Elementi in nome della Dea Madre. Una di queste è Maria Puntaoru, le cui gesta io ho cantato inventando questa ballata- rito. Andrà in scena per ognisanti. Il rito vuole che si rispettino i doveri dell'accoglienza e che tutto sia pronto per il nuovo ospite (l'inverno). Soprattutto i bambini non devono mangiare la pastasciutta (grano) senza aver prima riempito i cesti di frutta secca e dolci d'uva passa per Maria Puntaoru (dispensa). Se la mangiano essa apre la loro pancia (superamento della paura). 




Ogus de fogu ... Occhi di fuoco
limba 'e caoru ... lingua di serpente
arribend 'est Maria Puntaoru...sta arrivando M. P...
Maria Puntaoru...
 Maria Puntaoru!

Tzerriu de istrìa Gridi di civetta
coa 'e mraiaxa coda di strega
ki sceti 'dda tocas se solo la tocchi
ti spitzuat ke s'xraxa...ti pizzica come la tarantola...
ti spitzuat ke s'xraxa...
ti spitzuat ke s'xraxa...

A pustis ki tocat Dopo che batte  
su mesunoti la mezzanotte
sceti a is dromìus 'ddis tocat sa soti! 
Solo a chi dorme tocca la sorte
Ca ki ses iscidu e nou ses dromendi
Che se sei sveglio e non stai dormendo
lestra issa arribat svelta lei arriva
e ti sperrat sa brenti... e ti squarcia la pancia...
ti sperrat sa brenti...
ti sperrat sa brenti!

Prantus de furca, Pianti da forca
minas e gùtas minacce e maledizioni
po ki hat papàu per chi ha mangiato
sa pastasciutta. la pastasciutta
Candu s'acostat de ki petza hat papàu
Se si avvivina da chi carne ha mangiato
narant ki lambrigas àpiat cabàu ...
dicon che lacrime abbia versato ...
àpiat cabàu ...
àpiat cabàu!

Po ki ingurtit Per chi mangia
bridura in dì 'e lu^a verdura in dì di luna
bisus de paxi e de bona fortu^a...
sogni di pace e di buona fortuna ...
de bona   fortu^a...
de bona   fortu^a!

Graziella sa yaya.
Graziella la nonna.


by Graziella Pinna Arconte


Nessun commento:

Posta un commento